sbagliare a vivere.

È una questione così senza senso
Magari forse un giorno arriverà
Qualcuno che mi dica cosa fare
Qualcuno che sa già come si fa
Ma adesso proprio stai perdendo tempo
Continuo a vivere come mi va
Sbagliare a vivere mi piace un sacco

Se vuoi ti spiego io come si fa

Buongiorno,

ultimamente mi sento molto vicina a questo brano dei Thegiornalisti.

Anche se inconsapevolmente lo sono sempre stata.

Parla di qualcuno che è stufo di sentirsi dire che sta sbagliando, che sta prendendo la strada sbagliata o che semplicemente non ha ancora scelto chi vuole essere.

Eccomi, presente. Sopratutto negli ultimi due anni, continuo a sentirmi come un pesce fuor d’acqua, le persone che ho accanto continuo a vederle sempre un passo davanti a me e altre, peggio, le vedo puntare spietatamente le loro dita verso la mia persona.

Ultimamente mi è capitato diverse volte di fare nuove conoscenze, ma ogni volta che sono io a dovermi presentare tendo sempre a sminuirmi con “mi sono fermata al diploma, ora sto cercando lavoro”, e subito dopo queste parole faticano a reggere il confronto con quel qualcuno che invece risponde “ho iniziato a lavorare li, sto studiando in quella facoltà”.

Si, la verità è che mi sento sbagliata. Ho voglia di rivoluzionare la mia vita, di mettermi in gioco non necessariamente lavorando o studiando, voglio sentirmi qualcuno, anch’io.

 

Annunci

Novità scomoda (per me)

Buongirono cari lettori/lettrici, come state?

Un’altra settimana è iniziata, spero che porti con se anche qualche buona novità nella mia vita…tipo un LAVORO. Ma si sà, devo portare pazienza.

A proposito di novità, immagino che avrete sentito parlare dell’ iPhone 7, il nuovo gioiellno di casa Apple. Resiste all’acqua, due fotocamere con una super risoluzione, due autoparlanti stereo e…gli AirPods. Cuffiette senza fili. Tecnologia wireless.

Anche se potessi permettermi un telefono del genere, di sicuro non lo acquisterei!

Non  fraintendetemi, adoro il design e la tecnologia della Apple, ma per una come me avere delle cuffie senza fili sarebbe un disastro.

Quelle cuffiette sarebbero segnate da un triste destino: le perderei subito, diciamocela.

Roba troppo delicata e raffinata per me, preferisco il mio vecchio caro Samsung, non è il top della tecnologia ma funziona :’)

Io ho detto solo la mia opinione,

voi cosa ne pensate?

la vostra Ale 🙂

Auto(stima).

Buona sera cari lettori/lettrici, procede bene questa giornata? Spero di si.

Anche il mio momento sta per arrivare, tra non molto mi iscriverò a scuola guida. La cosa mi esalta, mi eccita…e mi preoccupa.

Poco fa io e mio padre siamo andati su al parcheggio e mi sono seduta al posto di guida della sua auto.

Come per ogni volta che inizio qualcosa di nuovo, inizia a suonare quel campanello d’allarme che sembra volermi dire: Attenta! Non ce la farai, lo sai? Vero?

Insomma sono la sicurezza in persona! Insomma conosco (forse fin troppo bene) i miei limiti, e sò di essere Miss imbranata, e di vincere il titolo ogni anno.

Sò anche che mi sono stufata, di dirmi ogni volta che non posso farcela, di sentirmi inferiore. BASTA.

Si, non sarà un lato della mia personalità che cambierò in fretta, ma a partire da questo obiettivo voglio comportarmi diversamente. Da ragazzina insicura a un’ Alessia più fiduciosa.

Ora scappo a tavola, mi aspetta una minestra sigh :/

La vostra Ale.